PASOLINI, UN CINEMA IN POESIA ALLE TERME TAMERICI - Comune di Montecatini Terme

archivio notizie - Comune di Montecatini Terme

PASOLINI, UN CINEMA IN POESIA ALLE TERME TAMERICI

 
PASOLINI, UN CINEMA IN POESIA ALLE TERME TAMERICI

Domani nel tardo pomeriggio avrà inizio la mostra "Pasolini, un cinema in poesia". 

 

Nel centenario della nascita (Bologna, 1922), la Fedic – Federazione Italiana dei Cineclub dedica una mostra iconografica dedicata a Pier Paolo Pasolini, poeta, regista, tra i più importanti esponenti del Novecento italiano. Attraverso manifesti, locandine, fotobuste e altro materiale, provenienti dalla collezione privata del giornalista Giuseppe Mallozzi (presidente del Cineclub “Il Sogno di Ulisse” di Minturno), sarà tracciato un percorso espositivo – presso le Terme Tamerici di Montecatini – che attraverserà l’intera carriera cinematografica del poeta di Casarsa, da Accattone fino alla sua ultima, dolorosa opera, Salò o le 120 giornate di Sodoma.

 

 

L’iniziativa, all’interno della 72^ edizione di Italia Film Fedic, vuole avvicinare il pubblico verso questa grande personalità del nostro cinema, approfondendone la particolare figura culturale all’interno della società italiana. La mostra, corredata da ampi apparati informativi sulle opere e sulla biografia di Pasolini, intende portare il pubblico ad affrontare un viaggio nella cinematografia dell’ autore, con un focus specifico sulla Trilogia della vita, che comprende Il DecameronI Racconti di Canterbury e Il Fiore delle mille e una notte, un trittico di pellicole girate tra il 1970 e il 1974 ispirate a tre grandi classici della letteratura mondiale, che lo stesso Pasolini definì ‘una polemica profondamente ideologica contro il mondo moderno così com’è, cioè il mondo del neocapitalismo, della modernità intollerante‘. 

Nel percorso sono esposte anche cinque fotografie inedite provenienti dall’archivio dello Studio Fotografico Rosellini, che documentano la presenza di Pier Paolo Pasolini a Montecatini Terme nel dicembre 1973. Il poeta fu ospite nell’ambito del progetto dal titolo “Processo allo scrittore” ideato dall’Amministrazione Comunale dell’epoca, a cui aderirono altri importanti esponenti del mondo letterario di allora come Carlo Cassola e Alberto Moravia. 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (34 valutazioni)