GRAFICHE DI GALARDINI IN COLLEZIONE - Comune di Montecatini Terme

archivio notizie - Comune di Montecatini Terme

GRAFICHE DI GALARDINI IN COLLEZIONE

 
GRAFICHE DI GALARDINI IN COLLEZIONE

La collezione della Galleria Civica Mo.C.A. si amplia con un nucleo di otto incisioni a firma di Renzo Galardini, artista poliedrico le cui opere si nutrono di un’armonica fusione tra accademismo puro e critica contemporanea.

 

Formatosi all’Accademia di Belle Arti di Firenze dove studia scenografia, vanta partecipazioni a numerose collettive di ambito nazionale ed estero, tra le più note gallerie di Germania e Stati Uniti. Tra gli impegni più importanti cui Galardini ha preso parte si ricorda: Artisti pisani (1977-Pisa, Fortezza San Gallo); Esposizione Nazionale Umberto Vittorini (1980-Pisa, Abbazia di San Zeno); Incontri a Pisa (1981-San Giuliano Terme); Presenza di grafica in Toscana (1981-Castiglioncello, Castello Pasquini); Arte per la pace e il lavoro (1984-Castiglioncello, Castello Pasquini); Biennale "Tono Zanconaro" (1986-Vico d’Elsa); Mostra d'arte grafica internazionale (1987-Tampa, Florida); 10a Mostra Città di Buti (1991-Buti); VI Mostra Biennale Internazionale della Grafica Fantastica (1992-Trento); Inciso altrove (1993-Cagliari); Monumentalmente Vostro (1996-Santa Croce sull'Arno); Incisione a Pisa nel XX secolo (1998-Pisa, Limonaia di Palazzo Ruschi); 1498-1998, atmosfere Savonarola (1998-Livorno); Arte per la vita (1999-Pisa e Camini di Catania); Ex voto per il millennio (2000-Calci); Made in Italy. Sei artisti contemporanei, (2003-Abilene, Texas); Repertorio per incisioni italiane, disegni e stampe (2007 e 2013-Bagnocavallo); sesto premio “Leonardo Sciascia” (2008-Milano, Castello Sforzesco); Fantasticart (2011-Pisa); Questo è il mio fiume (2012-Santa Croce Sull'Arno); Biennale d’Incisione Carmelo Floris” (2012-Nuoro); Viva Verdi (2012-Montecatini Terme, Mo.Ca. Montecatini Terme Contemporary Art); Rosso Fiorentino Rosso vivo (2014-Volterra).

Distintosi per la prorompente forza del suo tratto pittorico, intriso di evocazioni all’antico, Galardini attrae occhi e menti della critica contemporanea; Dino Carlesi e Nicola Micieli scrivono su di lui, riconoscendone straordinaria “creatività provocatoria ed ironia nella tecnica grafica”. L’artista vanta anche l’inserimento sul Catalogo Bolaffi, per indiscusse capacità tecniche con cui crea istrioniche grafiche di gusto surrealista. 

Lo stile di Galardini è un armonico connubio tra gli opposti: lezione accademica ed ispirazione classicista convivono con un senso decadente di gusto ferocemente contemporaneo. Le opere dell’artista svelano la capacità di raccontare la realtà tramite corrispondenze sensoriali ed ultrasensibili entro una dimensione puramente e prettamente onirica. Nel tratto e nei soggetti proposti da Galardini si ritrovano, ispirazioni a De Chirico, Dalì e Chagall: piccole figure allegoriche, rappresentative di una società stretta nella morsa della frenesia e del consumismo, fagocitate da uno spazio immenso e sovrumano, sono ritratte intente a compiere azioni impossibili, frutto dell’immaginario e del sogno. Le pennellate, morbide e delicate, maniacali e ritmiche, sono gli unici mezzi capaci di ristabilire equilibrio e di regalare un attimo di pace dal frastuono dell’incertezza contemporanea. Nelle opere di Galardini coesistono, dunque, l’essenza del reale e l’inganno del surreale; nature morte, cavalli, tartarughe, burattini, ghirlande in ambientazioni oniriche e fiabesche. Eleganza e raffinatezza.

 

In foto:

Corbezzolo, 1986, ver.m su rame mm 88x80


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (973 valutazioni)